L'UOMO DAL FIORE IN BOCCA

di Luigi Pirandello

atto unico

regia di ENZO RAPISARDA

012
012

016
016

019
019

012
012

1/23

Personaggi e interpreti



L’Uomo:

Enzo Rapisarda


L’Avventore:
Domenico Veraldi

Staff 

​

Scenografie e Costumi:
Laboratorio N.C.T. Verona


Direzione luci e audio:
Khristopher Ramos Villegas

 

Fotografie:

Michele Albrigo


Regia:

Enzo Rapisarda


Produzione e messa in scena:
Nuova Compagnia Teatrale

Rappresenta, nella drammaturgia pirandelliana, uno dei momenti più alti.
Innanzitutto, per la pregnanza di significato che emerge da una vicenda di assoluta semplicità e limpidezza. Tale vicenda si dipana attraverso il breve dialogo di due soli personaggi, l’Uomo dal fiore in bocca appunto, e il distinto signore, l’Avventore, che il primo incontra.
Incalzato dalle domande dell’Uomo, l’Avventore confessa il proprio fastidio nei confronti della moglie e della figlia che lo caricano di incombenze e lo trascinano nella pratica noiosa delle spese e nella disbriga quotidiana di affari poco importanti.
L’Uomo risponde allora con una minuziosa descrizione di quegli stessi avvenimenti in cui è fastidiosamente coinvolto l’Avventore e rivelando a costui a poco a poco tutta la necessaria importanza che quelle piccole cose tornano a possedere per chi, come l’Uomo, è avviato in breve alla tragica conclusione della propria vita e ne è consapevole.
Quel “fiore in bocca”, infatti, significa morte, dolorosa fine dell’esistenza.

Ciò che contraddistingue l’atto unico è, ancor più della contrapposizione “vita – morte”, la contrastante dinamica dialettica tra “vivere e sopravvivere”; meglio, tra un vivere apparente (l’Avventore) che è, in realtà, un sopravvivere agli eventi, un quotidiano “campare”, un “tirare avanti” fra minimi fastidi ed irritante quotidianità, e un apparente sopravvivere (l’Uomo), che è in realtà un vivere (o un tentativo di vivere) pienamente, disperatamente aggrappandosi proprio a quei fastidi, a quella quotidianità, altrove ritenuta irritante, ma che tale non viene considerata da chi sa coscientemente di perderla giorno dopo giorno.
Dunque, la morte e la consapevolezza della fine imminente illuminano il valore della vita, riscoperta nei dettagli senza senso, nelle pieghe degli affetti familiari, nel fluire incessante dei giorni e delle abitudini che ad essi si accompagnano e a cui, solitamente, non attribuiamo “importanza”.
E’ significativo che la più torturante e torturata pièce di Pirandello, la più tragica, non si svolga proprio nella “stanza della tortura”, come ebbe a definirla Giovanni Macchia, le quattro pareti domestiche in cui si consumano altre varie vicende pirandelliane più o meno drammatiche, e che, invece, essa si sviluppi “all’aperto”, alla luce crepuscolare: forse perché lo scontro, il conflitto vero tra vita e morte, tra realtà e apparenza, non può che generarsi in un “aperto” infinito, senza confini, senza tempo.

LA MORSA

di Luigi Pirandello

Atto unico

regia di ENZO RAPISARDA

004
004

002
002

006
006

004
004

1/5

Personaggi e interpreti



Andrea, il marito:
Enzo Rapisarda;


Giulia, la moglie:
Rita Vivaldi;


Antonio, l’amante:
Domenico Veraldi;


Anna, la governante:
Anna Rapisarda ;

Staff 

​
Foto di scena
Michele Albrigo


Scenografia e costumi:
Laboratorio N.C.T.

Direzione luci e suono:

Khristopher Ramos Villegas


Regia:
Enzo Rapisarda


Produzione e messa in scena:
Nuova Compagnia Teatrale

Scritta nel 1892, è una storia di tradimenti, di aspettative, di sogni, di illusioni, che in perfetto stile pirandelliano diventano ingredienti forti per una vicenda, forse realmente accaduta, il cui pregio principale è l’approfondimento psicologico dei personaggi.

La vendetta del marito diventa un gioco sottile e doloroso per chi lo esercita e per chi lo subisce: una morsa, appunto.
Il marito, scoperto il tradimento della moglie con il miglior amico, stringerà lentamente la donna in una morsa fino a far confessare il tradimento e negandole il perdono per una serie di ragioni che prevaricano l’amore.