L'albergo del silenzio

Commedia comica in tre atti di Eduardo Scarpetta

Regia di Enzo Rapisarda

 

Personaggi e interpreti



Felice Sciosciammocca, pittore decoratore

ENZO RAPISARDA


Rosa, moglie di Felice
FRANCESCA SPEZIE


Michele Galletti, architetto
DOMENICO VERALDI


Concetta, giovane moglie di Michele      RITA VIVALDI


Luisella, giovane cameriera di Felice

SERENA FILIPPINI


Antonio Raspa, avvocato

ALBERTO LATTA


Celestino, nipote di Michele

GIUSEPPE FIORE
MARIO CUCCARO


Andrea, cameriere di albergo

MARCO VALLARINO
MARIO SANTAGATI


Giulia

ANNA RAPISARDA


Ernestina

FRANCESCA DE ROSA


Il Commissario Piretti

MORENO PASQUALIN


Ciccillo facchino
NICOLA VENTURI




Scenografia:
Laboratorio N.C.T.


Direzione luci e suono:
Khristopher Ramos Villegas

Acconciature:

Moreno da Montorio



Costumi:

Laboratorio N.C.T.


Regia:
Enzo Rapisarda


Produzione e messa in scena:
Nuova Compagnia Teatrale

Scritta da Eduardo Scarpetta nel 1896, la commedia, come spesso accade nelle opere del drammaturgo napoletano che si ispira al teatro comico francese, prende spunto da “L’albergo del libero scambio” di Feydeau ed è strutturata in tre atti ricchi di comicità e di equivoci, sostenuti da un ritmo incalzante e di grande intensità in cui lo spettatore viene trascinato in un vortice di risate senza fine.

Nel primo atto si impostano e si spiegano le direzioni della vicenda e i ruoli: due coppie, ciascuna insoddisfatta  per un verso: Felice e Rosina e Michele e Concetta; una servetta, Luisella, innamorata di un collegiale, Celestino, fortemente caratterizzato nel testo; un avvocato meteo-balbuziente, nel senso che balbetta quando piove o scroscia un temporale, e due stucchevoli e sdolcinate nipoti educande, la cui caratterizzazione viene abilmente sfruttata  per sommuovere ai limiti del paradosso la materia del secondo atto.
Il primo atto si svolge nella casa di Felice, pittore decoratore, in cui tra i personaggi si intrecciano promiscue relazioni, che degenerano poi nel secondo atto all'interno dell’ Albergo del Silenzio così detto, perché presentato come un luogo in cui tutti possono combinare di tutto rimanendo indisturbati, nella  massima segretezza e sicurezza. Ottima occasione che Felice coglie al volo, per condurvi Concetta: una cenetta e poi quello che seguirà, forse un po’ di allegria in una delle attrezzate camere dell’Albergo.
Ma sull’Albergo del Silenzio pesa una brutta diceria: pare che vi “alberghino” gli spiriti e a Michele, architetto e marito di Concetta, viene dato l’incarico di periziare se e fino a qual punto la diceria sta in piedi. E così nell’Albergo si trovano Michele, l’avvocato balbuziente con le nipoti e, perfino Luisella con Celestino. A quel punto sarà tutto un susseguirsi di coinvolgimenti e di tresche tanto inaspettate quanto insolite e sorprendenti, in un crescendo ai limiti della tensione fino al pericolo di un disastro totale che si sfiorerà nel terzo atto. Si risolverà tutto nel migliore dei modi, come sempre accade nelle opere di Eduardo Scarpetta. L’autore pare infatti divertirsi a ingarbugliare sempre più gli avvenimenti fino a scioglierli definitivamente in un lieto fine in cui sembra sentirgli ripetere con sarcasmo la frase che aveva posto sulla facciata della sua villa: “QUI RIDO IO”!

 NUOVA COMPAGNIA TEATRALE di Enzo Rapisarda

malbrigo-20130622-8355.jpg