L'Onorevole

Dramma in tre atti di Leonardo Sciascia
Regia di Enzo Rapisarda

Personaggi e interpreti



Emanuele Frangipane - l'onorevole
DOMENICO VERALDI


Assunta - sua moglie
RITA VIVALDI


Monsignor Barbarino

ENZO RAPISARDA


Francesca - figlia di Frangipane

ANNA RAPISARDA


Fofò - fidanzato di Francesca

MARCO VALLARINO

 

Agostino Miccichè

RICCARDO BERTI

 

Don Giovannino Scimeni

MARIO SANTAGATI

MICHELE BOTTARO

 

Margano - alunno di Frangipane

PIETRO BENI

MARIO CUCCARO

 

Deputato Sinatra

MORENO PASQUALIN

 

Acconciature:

Moreno Pasqualin

 

Fotografo di scena:

Michele Albrigo


Direzione luci e suono:
Khristopher Ramos Villegas


Produzione e messa in scena:
Nuova Compagnia Teatrale

Scritta da Sciascia nel  1965, L’onorevole costituisce una parabola sulla dinamica del potere e delle sue diaboliche qualità, attraverso il percorso in tre atti di grande intensità drammaturgica, la vicenda di un modesto e onesto insegnante di liceo, il professor Frangipane, consacrato e moralmente dannato da una repentina elezione al Parlamento. Egli cede alle lusinghe del mellifluo e insinuante monsignor Barbarino e di un notabile della zona, che lo convincono a candidarsi alle elezioni politiche del 1948. In seguito alla sua elezione, si assisterà alla scalata al potere di Frangipane che abbandona la sua passione per i classici e per le humanae litterae e con loro ogni resistenza verso compromessi che un tempo riteneva ripugnanti, finendo per tradire anche gli affetti familiari, risucchiato da una spirale perversa. La moglie Assunta, donna silenziosa e devota, assiste con costernazione alla trasformazione del marito, maturando via via un arricchimento della sua istruzione e della sua capacità di pensiero etico e politico, che Sciascia tratteggia con pennellate di grande umanità e profondità morale.

Ambientata dall’autore in una Sicilia del dopoguerra,  ma come scrive lo stesso Sciascia nella prefazione, opera che si può estendere a qualsiasi ambiente e a ogni colore politico, L’onorevole   è un atto di denuncia lucida e a tratti ironica e grottesca della connivenza tra politica, affari, istituzioni ecclesiastiche e criminalità organizzata, che lascia emergere favori e corruzioni, furbizie e tradimenti assumendo il carattere di amara profezia dei tempi moderni.

 NUOVA COMPAGNIA TEATRALE di Enzo Rapisarda

malbrigo-20160821-6069_29050730432_o